Il concetto di libertà è sempre stata una questione che l’uomo ha trattato fin dalla nascita delle prime civiltà. Purtroppo, però, nessuno, a mio avviso, è mai riuscito a raggiungere una reale e completa libertà.

Fino al Rinascimento, in particolare, l’uomo era considerato solamente uno strumento, una pedina nelle mani di un’entità superiore e metafisica. In Grecia e a Roma il destino degli uomini era strettamente legato alle decisioni degli dèi e del fato, che l’uomo non poteva modificare in alcun modo. Anche se, Platone in particolare, i filosofi della Grecia Antica erano convinti che l’uomo potesse “scrivere” da sé, prima di essere concepito, la propria vita. Possiamo scorgere in questa filosofia un primo concetto di libertà assoluta, dove l’essere umano decide il proprio destino in ogni suo momento, dalla nascita alla morte.

Questo concetto è stato poi abbandonato con l’avvento della filosofia agostiniana, che ha dominato per tutto il Medioevo il pensiero di una società fortemente cristiana. Come per l’Antica Grecia, Sant’Agostino poneva la vita di ognuno di noi nelle mani di Dio, secondo un suo disegno, imperscrutabile e impossibile per l’uomo da conoscere e da comprendere.

Queste idee (presenti, però, ancora oggi nella tradizione cristiana, seppur in forme molto più superficiali) sono state in seguito abbandonate nel periodo rinascimentale e illuministico. I grandi pensatori del XV secolo, infatti, iniziano ad attribuire all’uomo la facoltà di essere artefice del proprio destino. Da questo periodo, quindi, si inizia sempre più a delineare meglio il concetto di libertà, legata fortemente all’idea di diritto.

Con la “Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino”, redatta nel 1789 durante l’era delle grandi rivoluzioni (come la Rivoluzione francese) l’essere umano, qualsiasi esso sia, si vede attribuire dei diritti fondamentali e inviolabili: si affermano le libertà di pensiero, di parola e di azione. Viene abolita, almeno in linea teorica, la schiavitù. Questa situazione di assenza di alcun tipo di diritto, infatti, è una realtà che persiste ancora oggi in molti Paesi africani e asiatici.

Un sogno illuminista che, finalmente, si concretizza in tutta Europa e nei neo nati Stati Uniti d’America. Un sogno, però, che presto viene distrutto, all’inizio del XX secolo con la formazione, in particolare in Italia, Germania e Russia, di governi dittatoriali totalitari, che negavano, in parte, le libertà principali del cittadino. È  con la fine della Seconda Guerra Mondiale e l’istituzione della democrazia in numerosi Paesi europei che si delinea il più ampio concetto di libertà.

Cos’è, però, la libertà nei giorni nostri? Spesso questa parola la associamo all’assenza totale di regola (anarchia), dove ognuno può fare ciò che vuole, e si pretendono solamente diritti, senza dover sottostare ad alcun dovere. Questa ideologia, dal mio punto di vista, è completamente errata. La libertà, infatti, è la possibilità di essere felici e vivere in armonia con tutti gli uomoni. Le regole, quindi, che ci impongono di compiere o non compiere determinate azioni, non violano affatto i diritti di ognuno anzi, li salvaguardano. Tuttavia, in molti Paesi è ancora presente la schiavitù e non tutti possono godere della libertà che noi, nella nostra società, abbiamo duramente conquistato, a costo della vita.

Dall’altro lato, però, le nuove tecnologie e il consumismo ci stanno, lentamente e inconsapevolmente, rendendo schiavi: la moda esclude dalla società le persone “diverse”, che sono “contro corrente”, privandole, appunto, della libertà di essere sè stessi, il primo e più grande diritto di cui ogni uomo deve godere.

L’uomo è nato libero e ovunque è in catene. (JeanJacques Rousseau)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...